6_49cop.calcerano&fiori

Teoria e pratica del giallo
Quasi un manuale per aspiranti giallisti


Luigi Calcerano Giuseppe Fiori
 
Sfoglia libro

-

C’è bisogno di un altro libro che, come una torcia da detective, spari una luce giallognola sulla narrativa poliziesca, sulla sua storia, sulla sua struttura e che, addirittura, induca il lettore a farsi giallista? Sì, perché il giallo, dopo più di un secolo e mezzo di vita, è diventato pervasivo in tutto ciò che ci circonda: al cinema, in Tv, nella vita di ognuno di noi, in politica, nella finanza, in letteratura e su internet.

…E non ci basta più essere sorpresi, essere surclassati dalla bravura di Agata Christie, vogliamo diventare detective! Sia pure sotto lo sguardo stralunato che, dalla nostra copertina, ci lancia Buster Keaton: uno sguardo, un personaggio che – secondo Quentin Tarantino – «resta inafferrabile dai tentacoli delle masse e alla fine vince perché, nella dimensione predatoria in cui viviamo, non è il pugno a far male, bensì il colpo di genio fuori norma».
Forse è anche un po’ merito del giallo, e della sua non proprio breve storia, se sentiamo questa singolare esigenza di protagonismo in contrasto alla quotidianità dell’indifferenza. Forse è anche un po’ merito del giallo se abbiamo capito che le cose non sono mai come appaiono e che la propensione di chi comanda tende ad aumentare il livello di menzogna in maniera esponenziale.

(dalla presentazione degli autori)

ISBN  978-88-95920-21-4

QUESTO LIBRO E’ DISPONIBILE  ANCHE IN VERSIONE ELETTRONICA


RECENSIONI:




Commenta sui social network