Layout 1

Una bussola per la scuola – II Edizione
Nuove strategie pedagogiche
 e didattiche per gli studenti di oggi


A cura di:

Angela Maria Volpicella Giorgio Crescenza
 
Sfoglia libro

-

NUOVA EDIZIONE (novembre 2017)

Presentazione di Massimo Baldacci

 

 

A cosa serve portare la bussola dentro la scuola se non a orientare una società, quella attuale, che appare oggi frantumata, disarticolata, spaesata? E come darle una sua fisionomia unitaria e solida se non con la qualità e l’organizzazione diffusa dei saperi che attraverso la scuola si trasmette nel tessuto sociale? Tra tutte le sfide che la globalizzazione ha aperto come tratto controverso e irrisolto del nostro tempo, quella della scuola segnerà più di ogni altra il destino futuro delle nostre comunità e ciascun individuo ne recherà il segno. Ecco allora che diventa indispensabile interrogarsi su come e dove collocare la bussola per la scuola di domani, conoscerne i meccanismi di fondo, le tecniche che possono determinarne la direzione, a partire da una visione critica dei paradigmi pedagogici in atto, delle normative interne, del modo di funzionare dell’universo scolastico. Perché pratiche, tecniche e leggi devono risultare sempre funzionali alla missione strategica e permanente della scuola, di ogni scuola, dentro la società. Il rischio che si corre è infatti quello di un continuo susseguirsi di ridefinizioni normative, metodologiche e procedurali disancorate alla finalità primaria dell’insegnamento scolastico. Che è poi quella della centralità del soggetto, assunto nella sua specifica individualità e insieme come componente della comunità. Posizionare la bussola, orientarla nella direzione del sapere come bene inalienabile attraverso uno sguardo a quelle che possono essere considerate le buone pratiche del fare scuola nel terzo millennio, innanzitutto mediando tra vecchi e nuovi strumenti, per una convivialità di tutte le differenze (identitarie, pedagogiche e didattiche), praticando esercizi innovativi e coinvolgenti. Ecco la strada per far diventare la scuola italiana il motore di quello sviluppo culturale e sociale che oggi manca al nostro paese sempre più complesso, ai docenti il timone di questa sfida.

ISBN  978-88-99900-05-2

 

Leggi la recensione su Edscuola


RECENSIONI:


Pagine 240



Commenta sui social network